Cerchio con iscrizione: Meditar is so good su parole in linea
Meditar is so good Rubriche

M’editar is so good: Correzione di bozze e Software di correzione online | pillola #9

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Ciao e bentornato a un nuovo episodio di m’editar is so good: pillole di autoediting.

Nell’episodio precedente abbiamo parlato di del correttore di Word® e delle sue insidie durante la correzione di bozze o l’editing del tuo romanzo.

In questo nono episodio completiamo il discorso della pillola #8 e parliamo dei correttori automatici online. Se il problema del correttore integrato nell’editor di testo Word® è la comunicazione dei comandi, sui software di correzione online l’attenzione si sposta sulle funzioni implementate e sul grado di affidabilità.

Prima regola del #WritingClub:
Il correttore online va usato con attenzione.
Seconda regola del #WritingClub:
Il correttore online non sostituisce il Correttore di Bozze in carne e ossa.
Terza regola…

mai spuntare la funzione correggi automaticamente gli errori.

Correzione di bozze

Software di correzione online

Nella rete ci sono moltissimi software di correzione online gratuiti che analizzano la grammatica, la sintassi, la punteggiatura e la leggibilità di un testo. Alcuni funzionano esclusivamente per la lingua inglese, ma rilevano la leggibilità di una frase a prescindere dalla lingua in cui è scritta (come la Hemingway App di cui abbiamo parlato qui), altri permettono la verifica per la lingua italiana e garantiscono un’analisi approfondita del testo.

“Usare un software di correzione online non prescinde la conoscenza delle regole grammaticali.”
Parole in Linea

#Correzionedibozze #Grammatica #ConsiglidiScrittura #Editing #Autoediting #Meditarissogood #ParoleinLinea

Al contrario di Word® non è presente la funzione trova e sostituisci. Viste le problematiche associate, presentate nella pillola precedente, si potrebbe pensare sia un’ottima notizia.

In effetti, i moderni correttori online gratuiti, di solito, propongono una serie di possibili modifiche, tra le quali scegliere, parola per parola e quasi mai in modo massivo. Per cui, almeno qui il problema di peggiorare le cose sembra una possibilità remota.

In realtà, occorre capire se il correttore in esame è aggiornato a livello di rilevazione degli errori. Infatti, molti correttori online vengono sviluppati per step: durante ogni fase si risolvono gli errori più frequenti e si ampliano le funzioni di rilevazione grammaticale, semantica, ortografica, miglioramento del vocabolario, e così via.

Per capire se un correttore online è aggiornato, e adatto alle tue esigenze, è sempre bene usare un testo validato e visionare i risultati analizzati dal programma.

Puoi incollare nell’area di verifica il testo di autore affermato oppure uno precedentemente controllato dal tuo editor di fiducia. L’importante è che tu sia certo della sua correttezza in tutti i campi che il correttore online andrà a visionare. Dopo il primo check, aggiungi volutamente degli errori e riavvia la verifica per vedere se rileva tutti i cambiamenti che hai apportato.

La possibilità di personalizzare il vocabolario non è sempre prevista. Perciò, soprattutto le prime volte, non è raro che ti segnali tutti i nomi stranieri e, soprattutto nei fantasy, quelli inventati: non ti spaventare se la pagina si riempie di colori e annotazioni.

Per ovviare a questo inconveniente, cerca di usare un correttore online che permette di aggiungere le nuove parole al vocabolario, come quelli che ho usato per questo articolo. In questo modo l’utilizzo costante renderà più attendibile la verifica del tuo lavoro.

Testare un software di correzione online

Controlla il controllore

Per aiutarti a valutare un software di correzione online ho incollato una parte di questa pillola su due software gratuiti trovati online, per visionare insieme le insidie cui prestare attenzione. Dato tutto il lavoro che c’è dietro una di queste applicazioni, che vengono aggiornate dopo aver analizzato moltissimi fattori, non indicherò nomi. L’obiettivo è imparare a valutare il correttore online più adatto alle proprie esigenze tramite una libera ricerca su Google™ e non sottolineare pregi o difetti di un dato programma nello specifico.

Primo software di correzione online

Screenshot correttore online per mostrare la validazione di un testo da correggere.
Segnala l’errore di battitura e propone alternative
Screenshot correttore online per mostrare la validazione di un testo da correggere.
Parola straniera non riconosciuta: propone alternative fuori contesto.
Simbolo non riconosciuto. Propone in alternativa di togliere il simbolo. Si può scrivere in entrambi i modi, ma nel primo si indica un software appartenente a un marchio registrato, di solito un software a pagamento.

Secondo software di correzione online

Propone spazio non richiesto e, peggio ancora, di togliere l’apostrofo, mentre la regola grammaticale in questo caso lo richiede.
Non riconosce la parola “così”
Divide la parola “validato” non essendo presente nel dizionario la versione corretta, che prevede la grafia unita.

Entrambi i correttori hanno individuato l’errore di battitura della parola funzione, cui avevo tolto la enne e mi hanno suggerito alcune parole, tra cui quella corretta. Hanno inoltre segnalato la parola straniera step. In questo caso, però, entrambi i correttori hanno suggerito parole italiane scambiando la parola straniera per un errore di battitura.

Fino a questo punto sono stati segnalati errori comuni, ma ho dovuto verificarne la correttezza. Se avessi spuntato l’opzione correggi automaticamente avrei ottenuto un testo contenente almeno un errore (sostituzione di step con una parola italiana).

A questo punto, i due correttori si separano:

il primo correttore ha segnalato come errore il simbolo ® di Word®. Questo non è un errore vero e proprio, ma la scelta di indicare il nome completo del prodotto e l’informazione riguardante l’eventuale copyright, marchio registrato o gratuità del software invece di usare il nome commerciale privo di marchi.

il primo correttore propone, come unica alternativa, la stessa parola priva del simbolo.

il secondo correttore ha accettato anche la versione con il simbolo.

Il secondo correttore avrebbe modificato anche un’ottima aggiungendo uno spazio tra l’apostrofo e la parola successiva (se non sai come si usa leggi questo articolo); non ha riconosciuto la parola italiana così e avrebbe diviso la parola validato.

Attenzione!

Verifica sempre le correzioni proposte dal software scelto.

Per quanto un software di correzione online sia aggiornato e permetta di aggiungere le nuove parole al vocabolario, usarne uno non ti esenta dalla conoscenza le regole grammaticali, ortografiche, semantiche e della punteggiatura.

Sono comodi per un rapido controllo sul tuo romanzo e togliere i refusi, gli errori di battitura – a patto di verificare i suggerimenti –, le ridondanze più frequenti, e avere un’idea generale della qualità del tuo testo.

Inoltre, come hai visto, non sempre vengono segnalati tutti gli errori, né gli quelli individuati sono sempre corretti: usa i software di correzione online solo per dare una sgrossata al tuo testo e poi sottoponilo a un professionista del settore, seguendo l’ordine di cui ti ho parlato qui.

Questo se vuoi passare allo step successivo, ovvero alla pubblicazione e alla vendita. In caso contrario, un buon correttore online, unito a quello di Word®, dovrebbe risolvere la maggior parte dei tuoi problemi.

Spero che questa pillola ti sia utile per migliorare la qualità del tuo romanzo. Se ti è piaciuto l’articolo condividilo con amici e colleghi.

Occhi aperti e buona revisione!

©️ Riproduzione riservata


Questo articolo

Spargi la voce e condividi!
Parole in Linea
Mi chiamo Bianca, anche se la mia carta di identità dice altro, ma ormai le persone mi conoscono con questo nome e soprattutto sembra riescano a pronunciare meglio il cognome teutonico che quello ufficiale... Da qualche anno mi sono avvicinata alla traduzione, all'editing e alla correzione di bozze, studiando e facendo pratica e ora mi sto addentrando nell'ambito dal punto di vista professionale anche se, in effetti devo dire che, se vogliamo vederla sotto l'ottica della revisione, mi sono sempre occupata di editing, solo che prima facevo "editing aziendale e amministrativo". Dopo 10 anni passati a "litigare professionalmente" con avvocati e commercialisti, ingegneri e compagnia bella, ho capito che se sono sopravvissuta a loro posso affrontare gli autori... Del resto ormai sono a un bilancio dall'inferno e lì, si dice, di revisori ne cercano parecchi per rimettere in riga le anime.
https://www.paroleinlinea.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
8 + 13 =