Argomenti
Corso: Scrivere per il Web: il corso pratico e ...
Accedi

Argomenti

Scrivere per il Web: il corso pratico e completo di scrittura per il web per content writer e copywriter

Video lezione

Introduzione alla scrittura per il web

Ti do il benvenuto alla lezione introduttiva del corso Scrivere per il Web.

 In questa lezione introduttiva, imparerai l’importanza della Scrittura per il Web e la differenza tra la scrittura tradizionale e quella digitale.

*** 

Importantissima branca della comunicazione digitale, la scrittura per il web è differente da quella letteraria, creativa e saggistica, e quella puramente giornalistica, intesa come giornalismo tradizionale (quotidiani, inchieste, etc).

Scrivere per il Web ha necessariamente bisogno di un approccio mentale differente e di una conoscenza del pubblico di riferimento, ovvero l’utente online, e delle sue esigenze, indicate dalla ricerca effettuata.

Contrariamente alla lettura sui mezzi tradizionali, come può essere quella di un quotidiano o di un libro cartaceo, l’utente online non legge sempre ogni pagina dall’inizio alla fine.

L’accesso a una connessione sempre più veloce, e disponibile pressoché ovunque, ha abituato le persone ad arrivare alle informazioni, trovare il prodotto o il servizio di cui hanno bisogno in breve tempo, grazie anche ai nuovi tipi di dispositivo utilizzati, come i cellulari, che sono sempre più simili a computer in miniatura.

In questa fase, una risposta veloce, insieme alla pertinenza del contenuto trovato, determina quanto a lungo quell’utente rimarrà sulla pagina.

In linea generale, un utente legge una pagina online cercando di capire se il contenuto corrisponde a ciò che sta cercando, prima di dedicare a quel testo il tempo di una lettura completa e approfondita.

 

Questa lettura in due fasi avviene principalmente per due motivi:

1.      La lettura digitale è più faticosa di quella tradizionale, nonostante il mercato digitale proponga dispositivi sempre più orientati a una lettura agevole, in grado di simulare il più possibile l’esperienza cartacea, come la tecnologia e-Ink dei lettori e-reader.

2.     Internet ha accorciato i tempi di attesa. L’utente vuole tutto e subito. Una pagina che si carica più lentamente potrebbe essere scartata in virtù di una più veloce, a prescindere dalla pertinenza del contenuto.

 

Questa pre-lettura richiede necessariamente un testo accessibile, cioè comprensibile a una vasta gamma di utenti. Ciò comprende un linguaggio semplice, senza parole troppo tecniche, privo di eccessive spiegazioni (salvo che il tipo di testo non lo richieda) o parole complicate, di difficile comprensione, solo per dare un tono al testo.

Titoli esaustivi, frasi brevi, opportunamente divise in paragrafi, e testo evidenziato, aiuteranno l’utente a “scansionare” la pagina web in una sorta di pre-lettura che lo guida a comprendere e valutare il contenuto seguendo i punti più importanti.

 

Superato lo scoglio della pre-lettura e ottenuta l’attenzione del lettore, la scrittura per il web ha due funzioni principali:

1.      Informare in modo conciso ed esaustivo

2.     Indurre a compiere un’azione specifica.

 

Quest’ultima funzione è importantissima. Infatti, tranne pochi casi, che vedremo durante le lezioni di questo corso, la maggior parte dei testi pensati per il web è orientata all’azione: l’utente viene indotto o, nel gergo tecnico, invitato ad assumere un comportamento specifico, che può essere l’iscrizione a una newsletter, il contatto telefonico o via e-mail, l’acquisto di un prodotto, scaricare un file… e molte altre opzioni.

Già in questa breve introduzione, hai visto che la Scrittura per il Web non è semplicemente mettere in fila delle parole da pubblicare online, ma si differenzia dagli altri tipi di scrittura per l’approccio orientato all’utente, alle sue necessità, al grado di immersione nella tecnologia digitale e allo scopo del testo.

Nelle prossime lezioni vedremo insieme come scrivere testi per il web che siano accessibili, pensati per l’utente e la finalità richiesta dal committente.

APPROFONDIMENTO: il committente → vita da freelance