Blog notizie Strumenti

Recensioni false: Amazon corre ai ripari

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Recensioni

La recensione è lo strumento che abbiamo per comunicare la nostra opinione nel mondo globale. In questo articolo abbiamo visto le sue potenzialità per costruire una reputazione e una immagine professionale.

Purtroppo, ogni strumento è neutro. La sua bontà si determina mediante l’uso che se ne fa e le recensioni non sono differenti. Da qualche anno, infatti, le recensioni sono diventate un’arma per colpire la concorrenza, per svilire il lavoro altrui, sperando di esaltare il proprio o anche solo per una divergenza di opinione sui social network.

Se da un lato la recensione negativa può essere una risorsa, dall’altra quando è scritta per fini diversi da quelli di informare gli altri acquirenti di una reale esperienza spiacevole, ecco che la recensione perde ogni sua utilità e funzione.
Amazon, leader mondiale di eCommerce, soprattutto nel campo dell’editoria, è spesso al centro di discussioni sul metodo di controllo e prevenzione contro questo fenomeno, ormai dilagante.
Finalmente, sembra aver introdotto un metodo per contrastare le recensioni false. In cosa consiste? Vediamolo insieme.

Amazon corre ai ripari

Il fenomeno recensioni false, ovviamente, tocca anche le recensioni positive. Infatti, ormai, quando trovano prodotti con troppe recensioni positive, gli utenti non si fidano più e vanno a cercare le recensioni negative, che diventano risorsa (ne abbiamo parlato qui). Purtroppo, non è raro imbattersi in prodotti pieni di recensioni entusiaste, a cinque stelle, ed ecco che acquistare il prodotto adatto a noi è diventato ormai difficile.

Per questo, Amazon è corsa ai ripari introducendo, per assurdo, proprio “le stellette”, ma in cosa consistono davvero?

Le “stellette” di Amazon

Disponibili già da un annetto sul marketplace statunitense, le stellette non sono altro che un sistema “one-click” per indicare la propria preferenza. Invece di seguire la procedura tradizionale, in cui compare il proprio nickname e occorre scrivere un numero minimo di parole, con questo nuovo metodo one-click-star sarà sufficiente cliccare sul numero di stelle che vogliamo attribuire a un prodotto e voilà: ecco una recensione anonima. Infatti, in questo nuovo sistema non compare il nome collegato all’account.
Il motivo, si ipotizza sulla rete, incentiverà chi ha acquistato davvero il prodotto e vuole lasciare una recensione sincera, ma è scoraggiato dalla procedura attuale, macchinosa e che espone a possibili ritorsioni in caso di recensione negativa, in quanto è presente il nome o il nickname del recensore.

Sui social network, soprattutto gli scrittori, si domandano quanto il nuovo sistema possa rivelarsi realmente una soluzione alle recensioni negative. Infatti, si teme che in questo modo si diano maggiori possibilità a chi lascia recensioni negative con l’intento di danneggiare il prossimo e al tempo stesso avvantaggia chi ha un nutrito gruppo di amici pronti a lasciare recensioni positive, a prescindere dalla reale bontà del prodotto.

Soluzione o fumo negli occhi? Solo il tempo ce lo saprà dire.

E tu cosa ne pensi? Le “stellette” sono davvero la risposta giusta alle recensioni false oppure è solo un tentativo di distrarre l’attenzione degli utenti dall’elefante nella stanza?

Parole in Linea

©️ Riproduzione riservata

Ti è piaciuto il mio articolo? Lascia un like alla mia pagina Facebook® e spargi la voce!

©️ Riproduzione riservata


Questo articolo

Spargi la voce e condividi!
Parole in Linea
Mi chiamo Bianca, anche se la mia carta di identità dice altro, ma ormai le persone mi conoscono con questo nome e soprattutto sembra riescano a pronunciare meglio il cognome teutonico che quello ufficiale... Da qualche anno mi sono avvicinata alla traduzione, all'editing e alla correzione di bozze, studiando e facendo pratica e ora mi sto addentrando nell'ambito dal punto di vista professionale anche se, in effetti devo dire che, se vogliamo vederla sotto l'ottica della revisione, mi sono sempre occupata di editing, solo che prima facevo "editing aziendale e amministrativo". Dopo 10 anni passati a "litigare professionalmente" con avvocati e commercialisti, ingegneri e compagnia bella, ho capito che se sono sopravvissuta a loro posso affrontare gli autori... Del resto ormai sono a un bilancio dall'inferno e lì, si dice, di revisori ne cercano parecchi per rimettere in riga le anime.
https://www.paroleinlinea.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
26 + 11 =