Blog Corsi online Mentoring

Cinema, trailer e media digitali

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Un corso per tutti i gusti

Ciao a tutti,

questa settimana inizio l’attività di Mentoring per il corso MOOC di “Cinema, trailer e media digitali” tenuto dal Professor Nicola Dusi, docente dell’Università di Modena e Reggio Emilia, disponibile sulla piattaforma Eduopen, sostenuta dal MIUR, Ministero italiano dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

informazioni corso e mentoring

Mi chiamo Cristina, anche se molti di voi mi conoscono come Bianca o, semplicemente, Parole in Linea e mi occupo di scrittura creativa, editing e traduzione e di Mentoring per questo videocorso, che ho trovato molto stimolante per il mio percorso di crescita.

Infatti, sono sempre alla ricerca di nuovi corsi che riguardano la mia professione e lo scorso anno ho scoperto questa serie di videolezioni e mi sono appassionata fin dai primi argomenti trattati dal Professor Nicola Dusi, docente dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

Tutti parlano di Vogler e del “Viaggio dell’Eroe” il suo libro più famoso (se non lo conosci leggi qui), e gli archetipi Junghiani, ma pochi affrontano la struttura delle storie dal punto di vista della linguistica e della semiotica, la scienza dei segni e dei simboli e dei loro significati e sul modo in cui questi influenzano la funzionalità di una storia.

Benché il corso sia focalizzato sui film e i media digitali, la struttura della narrazione rimane quella tradizionale, ovvero ogni storia, ogni racconto, che sia scritto o rappresentato sullo schermo, si basa sulla teoria della narratività e lo storytelling, che permettono di imparare le basi dei meccanismi che si trovano dietro alle storie. In questo modo le dinamiche risultano più chiare, grazie alle teorie di Propp e Greimas, rendendo questo corso un punto di inizio per raccontare nuovi mondi, attraverso gli elementi principali che rendono interessante e verosimile un prodotto della fantasia.

Poi, si passa ai trailer, ovvero la parte promozionale di un film, che è una sorta di riadattamento in chiave condensata, secondo me, utilissimo per imparare a individuare le parti cardine di una storia, senza svelare troppo che, nella scrittura creativa, è riconducibile alla quarta di copertina (che non è la sinossi! Per la differenza leggi qui), al riassunto che si trova sul retro di ogni libro.

Nell’ultima parte si entra nel fulcro tecnico del corso, che si focalizza sui media digitali che rendono possibili le varie reinterpretazioni dei film, attraverso i remix e i remake, analizzando alcune scene e trailer interessanti e utili per capirne le differenze.

Per cui, questo corso è consigliato a chi studia cinema, o si avvicina a questo mondo, ma soprattutto a chi si interessa di linguistica, semiotica o semplicemente di scrittura narrativa fiction e ama scrivere e vuole sapere qualcosa in più, mediante esempi e approfondimenti, su come si costruisce la tana del Bianconiglio.

Come in ogni corso, l’importante è seguire le videolezioni, ma soprattutto mettere in pratica le nozioni acquisite e confrontarle con il proprio lavoro.

A questo scopo, il forum dedicato al corso su Eduopen può rivelarsi una risorsa preziosa per discutere dei propri dubbi e di come i temi trattati ti hanno aiutato nel tuo percorso di studi.

Per cui sentiti libero di presentarti e sederti in un salotto virtuale per commentare le videolezioni con gli altri iscritti.

Se vuoi iscrivervi al videocorso basta cliccare sul link in alto o qui sotto:

MOOC Cinema, trailer e media digitali

Buono studio,

Cristina Mantione
Parole in Linea

©️ Riproduzione riservata

Ti è piaciuto il mio articolo? Lascia un like alla mia pagina Facebook® e spargi la voce!

©️ Riproduzione riservata


Questo articolo

Spargi la voce e condividi!
Parole in Linea
Mi chiamo Bianca, anche se la mia carta di identità dice altro, ma ormai le persone mi conoscono con questo nome e soprattutto sembra riescano a pronunciare meglio il cognome teutonico che quello ufficiale... Da qualche anno mi sono avvicinata alla traduzione, all'editing e alla correzione di bozze, studiando e facendo pratica e ora mi sto addentrando nell'ambito dal punto di vista professionale anche se, in effetti devo dire che, se vogliamo vederla sotto l'ottica della revisione, mi sono sempre occupata di editing, solo che prima facevo "editing aziendale e amministrativo". Dopo 10 anni passati a "litigare professionalmente" con avvocati e commercialisti, ingegneri e compagnia bella, ho capito che se sono sopravvissuta a loro posso affrontare gli autori... Del resto ormai sono a un bilancio dall'inferno e lì, si dice, di revisori ne cercano parecchi per rimettere in riga le anime.
https://www.paroleinlinea.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
7 − 2 =