Cerchio con iscrizione: Meditar is so good su parole in linea
Meditar is so good Rubriche

M’editar is so good: Grammatica & Polisemia – Omofoni & Omografi | pillola #11

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Ciao e bentornato a un nuovo episodio di m’editar is so good: pillole di autoediting.

Nell’episodio precedente abbiamo visto come rendere visivamente ordinato il tuo manoscritto attraverso la differenziazione della punteggiatura, dentro e fuori i dialoghi, con il trattino e i puntini di sospensione.

In questo undicesimo episodio torniamo a parlare di grammatica con la polisemia, ovvero di quelle parole che possono avere più di un significato e generano confusioni. Vedremo quindi gli omografi e gli omofoni, alcune parole difficili da scrivere e memorizzare e qualche trucco per scrivere senza sbagliare più.

Grammatica & Polisemia

Parole Ostiche

Prima regola del #WritingClub:
controlla prima di scrivere.
Seconda regola del #WritingClub:
I dubbi sono un’opportunità.
Terza regola…

… non avere paura di osare… ma controlla il dizionario.

A prescindere dalla frequenza di utilizzo, ci sono delle parole che generano dubbi di ortografia e semantica. Per non parlare dei lapsus e delle parole che, nonostante tu sappia esattamente come si scrivono, ti ostinate tuo malgrado a sbagliare. Ci sono persone che modificano intere frasi allo scopo di evitare di usare certe parole, quando basterebbe una breve verifica su Google™ o, meglio ancora, su un dizionario.

In alcuni casi è sufficiente ripassare la regola grammaticale, come abbiamo visto nella pillola #5, in altri occorre trovare un escamotage, un trucco, per ricordarla. Vediamo alcuni casi.

Parole Ostiche

Il Gruppo “GN”

La lingua italiana possiede questo suono raro in altre lingue, tanto da sollevare dubbi e domande sulla sua pronuncia. Spesso sbagliamo anche noi. Infatti, talvolta, il suono “gn” ci induce in inganno ed ecco che aggiungiamo una i indesiderata. Può trattarsi di una distrazione o di un dubbio atavico che può cambiare il significato della parola.

Da bambini ci cantavano la rima “gna, gne, gnu la i non vogliono più“. Anche se ti senti sciocco canticchiala e la prossima volta che ti trovi a scrivere ognuno, ingegnere, agnostico, designate… saprai come scriverle senza alcun dubbio.

Il Gruppo “GN”

Fatta la legge, trovato l’inganno

Chiaramente esistono delle eccezioni alla regola grammaticale nei quali la i si inserisce. Sembrava troppo facile, vero? Ecco i vari casi e qualche esempio.

I verbi che terminano in -gnare aggiungono una i grafica – usata solo per indicare la corretta pronuncia del suono gn – in questi casi2:

  • Nella 1a persona plurale dell’indicativo presente:
    • noi agogniamo (non agognamo);
    • noi consegniamo (non consegnamo);
  • Nella 1a1 e 2a persona plurale del congiuntivo presente:
    • che noi agogniamo/che voi agogniate;
    • che noi/consegniamo/che voi consegniate;
  • La grafia della parola compagnia [pronuncia: com-pa-gnì-a]:
    • Mi piace passare il tempo in tua compagnia;
    • Dovresti frequentare compagnie migliori;

Polisemia & Omofoni

Divide et impera

Esistono parole dalla pronuncia insidiosa che cambiano significato a seconda se la grafia è unita o divisa. In questi casi occorre prestare molta attenzione alla semantica, cioè al significato che vogliamo dare alla parola e alla frase.

Vediamo alcuni esempi di parole che presentano una forma unita e divisa e i rispettivi significati e utilizzi.

Divide et impera

Aldilà e Al di là

Questo è uno degli errori più frequenti. Sono sicura che chiunque sia disposto ad andare al di là di un fiume, un cespuglio o al di là di una collina, ma ben pochi andrebbero nell’aldilà a cuor leggero.

Infatti, al di là è una locuzione avverbiale o preposizionale e significa andare oltre, superare un ostacolo, mentre l’Aldilà è un sostantivo e indica il regno dei morti: l’oltretomba.

Divide et impera

A posto e Apposto

Mio padre è solito rispondere “tutto a posto e nulla in ordine” per dire che la routine procede. Mentre è stato felicissimo quando hanno apposto il timbro per dargli la pensione.

Infatti, a posto significa “in ordine“, mentre apposto è il participio passato del verbo apporre. Per cui:

Polisemia & Omografi

Polisemia portami via – l’enantiosemia

La polisemia è la proprietà di un segno linguistico o di una parola di possedere più significati e si divide in più tipologie, da quella che prevede più significati per una stessa parola a seconda del contesto a quella che vede una parola significare una cosa e il suo opposto.

Nella vita di tutti i giorni ne usiamo molti, senza però farci caso, almeno finché non ci troviamo su Word® a cercare le ripetizioni e notiamo che nella ricerca compaiono frasi in cui la parola compare, ma non è una ripetizione, perché si è inserita in un contesto diverso. Ecco alcuni casi. L’accento è puramente grafico e serve per capire la differenza di pronuncia, ma non compare nella forma scritta, come si può vedere dagli esempi:

 

Accétta: attrezzo simile a una scure; Accètta: voce del verbo accettare;

Il condannato non accetta di buon grado l’accetta del boia.

 

Affètto: inclinazione sentimentale, sentimento;

Affètto: chi è colpito da malattia;

Affétto: voce del verbo affettare;

Ti racconto mentre affetto una mela, che ho fame: “Lei scoprì che lui era affetto da una grave malattia solo dopo le nozze, eppure il suo affetto per lui non mutò neanche di una virgola.”

 

Àmbito: circostanza; Ambìto: desiderato;

L’ingegnere ha ottenuto il premio più ambito nel suo ambito di ricerca.

 

Appòsta: con intenzione; Appósta: posta accanto, sopra o sotto, aggiunta;

Il collega di Mario lo fece apposta a cancellare la firma apposta sul modulo delle ferie dal capo del personale.

 

Bótte: recipiente di legno bombato; Bòtte: colpi, percosse;

Per poco il sommelier e l’enologo fecero a botte quando videro la botte in pezzi a terra e tutto il vino riversato per la cantina.

 

Capitàno: titolo usato nella gerarchia militare; Càpitano: voce del verbo capitare;

Anche al capitano di una grande nave capitano situazioni difficili da gestire.

 

Dànno: circostanza che nuoce; Dànno: voce del verbo dare;

Acquistare delle azioni che calano subito dopo danno un danno non indifferente.

 

Lèggere: voce del verbo; Leggère: che hanno poco peso;

Leggere un buon libro rende le giornate più leggere.

 

Lètto: mobile usato per dormire; Lètto: voce del verbo leggere;

Mi sono messo a letto e ho letto fino all’alba e non ho sentito la sveglia.

 

Ménte: complesso delle facoltà intellettive; Mènte: voce del verbo mentire;

Sembra in grado di leggermi nella mente e non so mai se mente e dice la verità quando mi risponde.

 

Vènti:  fenomeno metereologico che coinvolge il movimento dell’aria; Vénti: numero;

Ci sono stati venti forti per oltre venti giorni di fila.

 

Polisemia portami via

l’enantiosemia

In questo caso non si tratta di errori di ortografia, ma di semantica. L’evoluzione storica della lingua italiana ha dato vita a una forma di polisemia – detta enantiosemia – grazie alla quale alcune parole hanno assunto, oltre al proprio significato etimologico, anche quello opposto.

In questo caso non si tratta di errori di ortografia, ma di semantica. L’evoluzione storica della lingua italiana ha dato vita a una forma di polisemia – detta enantiosemia – grazie alla quale alcune parole hanno assunto, oltre al proprio significato etimologico, anche quello opposto.

Pauroso: una persona può essere paurosa, e temere anche la propria ombra, oppure può incutere timore negli altri.

Fate attenzione quando descrivete il vostro personaggio come pauroso: teme tutto? Oppure, instilla il terrore negli altri?

Storia: si può parlare di una vicenda avvenuta realmente nella storia umana, documentata e oggetto di studio. Oppure, si può raccontare una storia inventata, che è il motivo per cui siete qui, alla fine.

In un romanzo storico la Storia si intreccia alle vostre storie: attenti a non confondere gli eventi.

Avanti: può significare sia prima che dopo:

Potete decidere di mandare il vostro eroe avanti agli altri, ma rischia di morire per primo. D’ora in avanti decidete con cautela.

Bucato: lavare i panni o forare, creare un foro, un buco.

Ogni tanto descrivete anche azioni quotidiane, come fare il bucato: ai vostri personaggi non dispiacerà… Non garantisco se dovessero bucare una ruota mentre insegue l’antagonista.

Accettare: questo verbo ha il duplice significato di gradire qualcosa, come un regalo o una proposta, o di colpire/essere colpiti da un’accetta.

Sbagliare questo verbo può farvi ritrovare in una situazione alla Shining. Occhio!

Trucchi mnemonici

Uno dei metodi più antichi per ricordare una parola ostica è inserirla in una storia, o in un contesto familiare. Come avete notato per le parole enantiosemiche ho fornito la spiegazione semplice e una frase inerente alla scrittura, in modo che possa aiutarvi a ricordare la differenza piùi agevolmente.

Create le vostre associazioni mentali, e storie per le grafie e i concetti che non riuscite a ricordare, e non li dimenticherete mai più. Parola di una che studiato ragioneria e, dopo vent’anni, ricorda ancora chi sono i tre esponenti principali della Tragedia Greca. Come? Semplice… 

ESCHILO, ESCHILO, che qui si SOFOCLE, ma attenzione alle scale: sono EURIPIDE.

A questo punto non avete più scuse. Dovreste ricordare più o meno tutte le parole difficili. In caso di lapsus ricorate che c’è sempre il dizionario o il caro zio Google™.

Avete delle storie per ricorare delle parole o dei concetti? Scrivetele nei commenti.

Occhi aperti e buona revisione

©️ Riproduzione riservata


Questo articolo

Spargi la voce e condividi!
Parole in Linea
Mi chiamo Bianca, anche se la mia carta di identità dice altro, ma ormai le persone mi conoscono con questo nome e soprattutto sembra riescano a pronunciare meglio il cognome teutonico che quello ufficiale... Da qualche anno mi sono avvicinata alla traduzione, all'editing e alla correzione di bozze, studiando e facendo pratica e ora mi sto addentrando nell'ambito dal punto di vista professionale anche se, in effetti devo dire che, se vogliamo vederla sotto l'ottica della revisione, mi sono sempre occupata di editing, solo che prima facevo "editing aziendale e amministrativo". Dopo 10 anni passati a "litigare professionalmente" con avvocati e commercialisti, ingegneri e compagnia bella, ho capito che se sono sopravvissuta a loro posso affrontare gli autori... Del resto ormai sono a un bilancio dall'inferno e lì, si dice, di revisori ne cercano parecchi per rimettere in riga le anime.
https://www.paroleinlinea.com