Manuali di Scrittura Risorse

Dara Marks – L’arco di trasformazione del personaggio

Dopo il conflitto, la crescita dei personaggi principali è l’aspetto più importante da curare. Una storia dove eroi e antagonisti rimangono esattamente uguali all’inizio della storia è noiosa, priva di spessore e, soprattutto, inversimile.
Chiunque viva esperienze degne di nota viene influenzato dagli eventi e – seppure di poco – cambiato. Attingendo alle teorie del monomito e del viaggio dell’eroe, Dara Marks illustra con numerosi esempi di cambiamento rispetto al conflitto, ai difetti e al carattere del personaggio, facendo chiarezza tra plot, trama e tema.

La scorsa settimana, insieme al Re del Brivido abbiamo parlato dell’importanza del percorso di scrittore, del divenire mentre si vive, accettando i rifiuti come parte integrante del percorso. Oggi trasportiamo questa filosofia nel mondo della progettazione narrativa.

Questo manuale – un tomo, in realtà – costruisce il personaggio partendo dalle base, aggiungendo uno strato dopo l’altro, psicologia, comportamenti, paure, punti saldi, pregi e difetti fino a definire la sua complessa personalità e le ragioni che si trovano alla base di ogni sfaccettatura e cambiamento. Il personaggio – primario o secondario – diventa così una creatura viva, fatta di alti e bassi, azioni e reazioni; un’entità che reagisce al mondo che lo circonda (e alle sfighe che gli lancerete addosso) e cambia, cresce, si chiude a riccio o trova la forza per combattere, fino a raggiungere il proprio obiettivo, proprio come ognuno di noi.

“Se le storie devono riflettere l’esperienza umana, esse devono basarsi sull’azione e il movimento. Ma l’azione, da sola, non contiene alcun valore intrinseco. L’atto di andare al negozio, di alzarsi dal letto al mattino, di cuocere una torta, di fare l’amore o perdere un lavoro, assumono significato e pregnanza solo se inseriti in un contesto specifico.”


Dara Marks
Story Editor

Affrontare questo manuale significa cambiare come scrittori, e insieme ai propri personaggi, immedesimandoci con loro, riflettere sui pregi, ma soprattutto sui difetti (fatal flaw) che rischiano di distruggere tutte le sue speranze di successo (e le vostre, come autori). Un libro da affrontare a piccole dosi. L’entusiasmo potrebbe spingervi a leggerlo tutto d’un fiato, ma temo che poi avreste un gran mal di testa, e un minestrone di concetti pronti per essere dimenticati. Io stessa sono ancora alle prese con la sua lettura, analizzo le regole, guardo nuovamente i film, o le scene usate negli esempi, metto in pratica ciò studio, senza lasciar passare troppo tempo dalla “lezione”. Però, non ho fretta di arrivare all’ultimo capitolo. Il bello di questo manuale è il percorso di crescita, oltre che del personaggio, del lettore.

Buona progettazione,

Parole in Linea

©️ Riproduzione riservata


Questo articolo

Spargi la voce e condividi!